home
 
 | 

Il Direttore di Sede Cristina Natoli traccia un bilancio del 2017 e lancia un auspicio per il 2018

Il 2017 è stato il mio primo anno come direttrice della Sede di Gerusalemme, dove con soddisfazione siamo riusciti a formulare una Programmazione ricca ed articolata, che conferma il nostro impegno nei tre settori che ci vedono leader UE in Palestina (Salute, Gender e Sviluppo Economico). Tra i progetti approvati dal Comitato Congiunto vorrei segnalare il Programma triennale RING (Rafforzamento integrato del Sistema Sanitario Palestinese) per un ammontare di 11,5 milioni di euro, che ha l’obbiettivo generale di prevenire le malattie croniche e migliorare l’accessibilità alla cure primarie, e un’iniziativa per lo sviluppo economico della comunità di pescatori a Gaza, realizzato dalla FAO per un ammontare di 2 milioni di euro, con l’obiettivo di creare un'impresa sociale di itticoltura.
 
L’auspicio per il 2018 riguarda l’esercizio congiunto di Programmazione Europea, che ha di recente elaborato un Documento Programmatico per la prima volta in Palestina. Seguendo le indicazioni contenute nella National Policy Agenda palestinese 2017-2022, l’Italia rafforzerà il proprio allineamento alle indicazioni europee allo scopo di concentrare l’impegno nei tre settori in cui è leader e coordinarsi più efficacemente con i programmi di cooperazione degli altri Stati Membri in Palestina.
 
Cristina Natoli