home
 
 | 

AID 10895 - FIN-PAL INCLUSIONE FINANZIARIA IN PALESTINA

Valore: 
2 milioni di euro, di cui 1.000.000 Euro in quanto fondo in loco e 1.000.000 Euro erogati come supporto al bilancio del Ministero delle Finanze e della Pianificazione, dell’Autorità Monetaria Palestinese e della Palestine Capital Market Authority (ex Art. 7 L. 125/2014).
Data di avvio: 
2017
Stato: 
Ongoing
Sector: 
Economic Development
Partner: 

 Ministero delle Finanze e della Pianificazione e gli enti pubblici beneficiari del supporto al bilancio 

Ente Realizzatore: 
AICS
Canale: 
Bilateral
Luogo: 
West Bank e Gaza
Obiettivi: 

FIN - PAL è parte integrante della programmazione della Cooperazione Italiana in Palestina per l’anno 2016, approvata dal Comitato Congiunto il 14 aprile 2016. L’iniziativa FIN-PAL, in gestione diretta, si innesta nell’anno di transizione tra i cicli triennali 2013-2015 e 2017-2019 con l’intento di dare continuità al progetto “Start Up Palestine” (AID n. 10114), promuovendo la crescita economica e l’impiego presso i gruppi marginalizzati.
Nell’ambito della promozione dello sviluppo economico in Palestina, i programmi della Cooperazione Italiana si sono finora focalizzati quasi esclusivamente sul lato della domanda del mercato finanziario locale, offrendo opportunità creditizie a basso costo e assistenza tecnica, in primo luogo, alle realtà imprenditoriali già strutturate, tramite il “Programma di Sviluppo delle PMI palestinesi” (AID n. 6525); e in secondo luogo, alle micro e piccole imprese promosse dai gruppi marginalizzati – quali le donne, i giovani diplomati, gli agricoltori a piccola e media scala, tramite il programma “Start Up Palestine” (AID n. 10114).

Risultati Attesi: 

L’iniziativa intende contribuire alla promozione della crescita economica e alla creazione di nuove opportunità occupazionali per i gruppi marginalizzati economicamente – donne, giovani diplomati, agricoltori – e geograficamente – Gerusalemme Est, Area C, Striscia di Gaza – favorendo la loro inclusione finanziaria. Nello specifico, con l’obiettivo di rafforzare le capacità degli attori-chiave – pubblici e privati – che operano sul lato dell'offerta del mercato finanziario palestinese, si prevede la realizzazione delle seguenti attività:
 
Con il fondo in loco, verrà offerta assistenza tecnica alle istituzioni finanziarie locali, con l’obiettivo di rafforzare le loro capacità nell’ambito della pianificazione, gestione e monitoraggio di servizi finanziari e non-finanziari. Avvalendosi dell’expertise sviluppata dalle realtà bancarie e non-bancarie italiane, l’assistenza tecnica permetterà di garantire la sostenibilità finanziaria delle istituzioni palestinesi, assicurando allo stesso tempo la piena addizionalità economica e finanziaria delle linee di credito italiane attive in Palestina (45 milioni di Euro, su un totale di circa 100 milioni di Euro a credito d’aiuto). Infine, nel corso dell’iniziativa verranno attivati una serie di servizi non-finanziari, volti a sostenere le micro e piccole imprese locali.
Con la componente di supporto al bilancio, invece, l’iniziativa contribuirà all’attuazione della prima “National Strategy for Financial Inclusion”, fornendo agli enti pubblici di supervisione del mercato finanziario gli strumenti e le metodologie necessari ad assicurare l’inclusione finanziaria dei gruppi marginalizzati. 

Beneficiari: 

I beneficiari diretti dell’iniziativa saranno più di 7.000, di cui due terzi donne, giovani e agricoltori a Gerusalemme Est, in Area C e nella Striscia di Gaza. Beneficeranno inoltre dell’iniziativa i membri dello staff del Ministero delle Finanze e della Pianificazione, dell’Autorità Monetaria Palestinese, della Palestine Capital Market Authority, degli istituti di microcredito, delle cooperative di credito e risparmio, delle compagnie di leasing.  

AID 10895 - FIN-PAL INCLUSIONE FINANZIARIA IN PALESTINA