home
 
 | 

9 marzo 2016: START UP PALESTINE: Seminario di presentazione e discussione del nuovo manuale procedurale per le cooperative di credito e risparmio UCASC

Nell’ambito del programma bilaterale “Start Up Palestine”, i consulenti di Cassa Padana BCC e Microfinanza s.r.l. hanno presentato a Ramallah il nuovo manuale procedurale per le operazioni di credito e risparmio, elaborato in stretta collaborazione con l’Unione delle Cooperative di Credito e Risparmio (UCASC).
Durante la riunione, le coordinatrici delle dodici cooperative di credito e risparmio della rete UCASC hanno discusso le nuove procedure introdotte, al fine di:
a) semplificare le operazioni finanziarie,
b) definire nuovi sistemi partecipativi di controllo e monitoraggio e infine,
c) introdurre i necessari meccanismi gestionali interni che permetteranno di erogare il fondo di capitalizzazione di 3 milioni di Euro.
Fondata nel 2005, UCASC raggruppa dodici cooperative di credito e risparmio, presenti in ogni governatorato della Cisgiordania, nella Striscia di Gaza e a Gerusalemme Est. Grazie a un meccanismo di gestione partecipativa delle operazioni di credito e risparmio, la rete di cooperative UCASC permette a quasi 7000 donne di accedere a servizi finanziari nelle aree più remote della Palestina. In dieci anni, UCASC ha erogato quasi 12 milioni di Euro in prestiti e attualmente, il portafoglio raggiunge i 3,5 milioni di Euro.
 
Start Up Palestine”, il cui budget totale ammonta a 21,8 milioni di Euro, si pone l’obiettivo di favorire l’accesso al credito alle fasce marginalizzate della popolazione palestinese – donne, giovani diplomati, agricoltori a piccola e media scala. Dal 2014, realtà bancarie e non-bancarie italiane – quali Fondazione Solidarete, Federcasse, Cassa Padana BCC, Banca Popolare Etica e Microfinanza s.r.l. – offrono assistenza tecnica alle controparti palestinesi attive nell’ambito del credito e risparmio cooperativo.